“Dalla Galizia al Mar Nero”

Intervistatore Data intervista Intervistato Età intervistato Protagonista della memoria
Simone Di Ramondo 2 gennaio 2015 Lodovico Tavernini 52 Daniele Tavernini

Racconta il nonno che il primo mare che ha visto era il Mar Nero. Mio nonno Daniele è nato e vissuto a Ceniga di Dro. Era contadino e non ha mai viaggiato, ma durante la prima guerra mondiale viaggiò moltissimo.

A 18 anni fu inviato sul fronte orientale probabilmente in Galizia, tra la Polonia del Sud-Ovest e l’Ucraina occidentale.

In famiglia si ricordano ancora i suoi racconti: narrava di essere arrivato in un posto: “dove la terra l’era si onta che se feva fadiga a star en pé”. Probabilmente era arrivato ai pozzi petroliferi di Costanza sul Mar Nero. Raccontava anche che per una lametta da barba gli davano 20 uova.  Dei suoi oggetti personali relativi alla sua vita militare  è rimasta una fotografia-cartolina, dove era ritratto lui con due commilitari, e un bauletto di ordinanza in legno che era riuscito a spedire alla famiglia da Innsbruck colmo di farina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *